A parità di fattori la spiegazione più semplice tende ad essere quella esatta

Giovedì 20 Gennaio 2011 dalle 16:15, presso l’aula CG.1 nel campus Leonardo, si terrà la conferenza dal titolo “Sicurezza: missione impossibile?” organizzata dall’Associazione POuL. Si succederanno i seguenti quattro interventi (con orari approssimativi):

  • 16:15 – 16:45  Pierluigi Perri (Ricercatore presso l’Università degli Studi di Milano), “Legge Pisanu: cosa decade e cosa resta in vigore
    • Le recenti riforme della normativa antiterrorismo (c.d. “legge Pisanu”) connesse alle nuove tecnologie: obblighi ancora in vigore e problemi applicativi
  • 16:45 – 17:25  Stefano Zanero (Docente di computer security presso il Politecnico di Milano), “Forensics e anti-forensics
    • Nell’intervento saranno presentate le principali tecniche utilizzate per analizzare un computer compromesso alla ricerca di prove, ed i metodi che possono essere usati da un aggressore per evitare di lasciare tracce.
  • 17:25 – 17:35    Pausa
  • 17:35 – 18:15  Alessandro Barenghi (Dottorando presso il Dipartimento di Elettronica e Informazione), “La chiave? E’ sotto lo zerbino…
    • Si discuterà delle problematiche che hanno minato le garanzie di sicurezza delle reti wireless protette
  • 18:15 – 18:45  Sante Gennaro Rotondi (POuL), “Introduzione alla sicurezza for dummy coders
    • Verranno presi in esame errori comuni di programmazione che, in ambito web e non, comportano grossi problemi per la sicurezza.

Conky

Salve! Quasi certamente molti di voi che mi seguono via feed, saranno stupiti dal fatto che sono tornato a scrivere un aricolo.

By the way oggi voglio parlare di conky.

Conky è un programma di system monitor per X Window System. È disponibile per Linux e FreeBSD. È free software rilasciato con licenza BSD.

Conky è in grado di monitorare diverse variabili di sistema, tra cui la CPU, la memoria, lo swap, lo spazio disco, la temperature, l’output di top, il traffico in upload, in download, i messaggi di sistema e molto altro.

È estremamente configurabile, anche se la configurazione può risultare difficile da imparare.

Vi riporto uno screenshoot della mia configurazione.

Per ottenere questo risultato il file di configurazione che ho sviluppato è questo:

alignment top_right
background no
border_inner_margin 20
cpu_avg_samples 2
default_color white
default_outline_color white
default_shade_color black
draw_borders no
draw_graph_borders yes
draw_outline no
draw_shades yes
use_xft yes
xftfont PizzadudeBullets weather x-spiral Webdings STYLBCC_
gap_x 5
gap_y 60
minimum_size 5 5
net_avg_samples 2
double_buffer yes
out_to_console no
out_to_stderr no
extra_newline yes
own_window yes
own_window_type normal
own_window_hints undecorated,below,sticky,skip_taskbar,skip_pager
own_window_transparent yes
update_interval 2.0
uppercase no
use_spacer none
show_graph_scale no
show_graph_range no

TEXT

${image /usr/share/icons/Elegant-AwOken/clear/24×24/places/distributor-logo.png -p 0,18}${offset 35}$sysname $kernel on $machine
${offset 3}${voffset 10}${font StyleBats:size=18}q${font}${voffset -3}  Work:  ${uptime_short}

TEMP  ${voffset -3}${hr 2}
${voffset -3}
#${offset 8}${font weather:size=20}z ${font}${voffset -2}CPU 1 ${execi 1 ~/scripts/cputemp.sh 1} °C
#${offset 8}${font weather:size=20}y ${font}${voffset -2}CPU 2 ${execi 1 ~/scripts/cputemp.sh 2} °C
${offset 8}${font weather:size=20}y ${font}${voffset -2}CPU ${execi 1 ~/scripts/cputemp.sh avg} °C
${offset 8}${font weather:size=20}x ${font}${voffset -2}NVIDIA ${execi 1 nvidia-settings -q [gpu:0]/GPUCoreTemp | grep ‘):’ | awk ‘{print $4}’ | sed ‘s/\.//’} °C
${offset 8}${font weather:size=20}x ${font}${voffset -2}HDD ${execi 1 ~/scripts/hddmonit.sh} °C

PROCESSOR  ${voffset -3}${hr 2}
${voffset -3}
${font StyleBats:size=18}A${font}   CPU 1: ${cpu cpu0}%
${cpubar cpu0}
${font StyleBats:size=18}A${font}   CPU 2: ${cpu cpu1}%
${cpubar cpu1}

HDD & MEMORY  ${voffset -3}${hr 2}
${voffset -3}
Root: ${fs_used /} / ${fs_size /}
${fs_bar /}
Home:  ${fs_used /home} / ${fs_size /home}
${fs_bar /home}
RAM: $mem / $memmax
$membar

NETWORK  ${voffset -3}${hr 2}
${voffset -3}
${execi 1 sh ~/scripts/ip.sh}

Come potete notare utilizzo dei font non standard (PizzadudeBullets weather x-spiral Webdings STYLBCC_) e utilizzo anche due script che ho realizzato in bash: uno per monitorare la temperatura del processore (richiede sensors)

#script cputemp.sh

#!/bin/bash

list=`sensors | grep Core | sed ‘s/°.*//’ | sed ‘s/^.*+//’`
cont=1
acc=0
for cpu in $list
do
if [ $1 = “avg” ]; then
acc=`echo “” | awk ‘{print ‘$acc’ + ‘$cpu’}’`
else
if [ $cont -eq $1 ]; then
echo $cpu
break
fi
fi
((cont=cont+1))
done
if [ $1 = “avg” ]; then
echo “” | awk ‘{print ‘$acc’ / (‘$cont’ – 1)}’
fi

e l’altro per ottenere dati sulle connessioni di rete

#script ip.sh

#!/bin/bash

devices=`ifconfig | grep HWaddr | grep -v vm | sed ‘s/Link.*//g’`

for device in $devices
do
ip=`ifconfig $device | grep “inet addr:” | sed ‘s/.*:\([0-9]\{1,3\}\.[0-9]\{1,3\}\.[0-9]\{1,3\}\.[0-9]\{1,3\}\).*[B|P].*/\1/g’`
if [ ! -z $ip ];then
isWireless=`iwconfig $device 2>/dev/null | grep ESSID | sed ‘s/.*ESSID:\”\(.*\)\”/\1/g’`
isVirtual=`echo $device | egrep “tun|tap”`
if [ ! -z $isWireless ]; then
device_p=$device” (Wireless)”
elif [ ! -z $isVirtual ]; then
device_p=$device” (Virtual)”
else
device_p=$device” (Wired)”
fi
echo $device_p
echo ”    ip address: “$ip
if [ ! -z $isWireless ]; then
echo ”    essid: “$isWireless
fi
fi
done

Linux Day – 2009

Salve, oggi scrivo per pubblicizzare l’evento noto a tutti i linux user, che sicuramente rappresenta uno tra i piu importanti appuntamenti nell’ambito del free-software e dell’open-source.

Sto parlando appunto del Linux Day.

Io prenderò parte a quello che si svolgerà il 24 ottobre (come nel resto d’Italia) a Cinisello Balsamo (MI). Lì il questo evento è organizzato dall’associazione culturale LIFOS http://linuxday.lifos.org/.

In particolare il mio compito non sarà  quello di semplice spettatore ma bensì di Relatore. Ovviamente quandò non sarò impegnato come relatore sarò a disposizione di tutti per qualsiasi informazione o aiuto.

La mia parteciparione come “addetto ai lavori”, è resa possibile dalla colalborazione che c’è tra lassociazione studentesca POuL (Politecnico Open unix Lab) di cui faccio parte e LIFOS stessa. Come me altri membri del POuL saranno impegnati come relatori in questo evento.

Bene, a conclusione di questo post, non mi resta che rinnovare l’invito a partecipare a questa giornata, e vi auguro un buon Linux Day.

Ciao

Google è ben nota per le proprie funzionalità legate alla ricerca e per le Google Apss che intendono offrire accesso ad alcune applicazioni attraverso il web. Un lato poco noto di Google riguarda le Google Apps dedicate alla clientela business e alle applicazioni aziendali.

Carlo Marchini – responsabile della divisione di Google Enterprise, Google Italia – spiega come le aziende possono utilizzare questi strumenti.

Voi che ne pensate?

viedo originale di tv tech
http://www.tvtech.it/video/437/google-apps-e-cloud-computing-per-le-aziende/

Zend Framework

zend
Questo articolo vuole essere una guida per tutti coloro che hanno voglia di capire come funzionano tutti quei siti internet come Facebook, Drupal, Joomla, WordPress, Wikipedia ecc.

Effettivamente l’espressione “sito internet” in questa circostanza è decisamente riduttiva, infatti queste sono vere e proprie applicazioni web-based che offrono all’utente una quantità impressionante di funzionalità. Questa realtà è stata introdotta e si è radicata nella rete grazie al cosiddetto web 2.0.

Ma veniamo al dunque: Read the rest of this entry »

Linux e la libertà

Cosa significa essere liberi?

La libertà è la possibilità di scegliere, di scegliere i tuoi spazi, di plasmare i tuoi confini, in modo da poter dare il meglio di te.

La libertà è poter dire no, è poter scegliere i propri limiti per estenderli in un modo esclusivamente tuo e cambiarli quando senti che ti stanno di nuovo stretti.

La libertà è poter dire ciò che vuoi a chiunque tu voglia e nel modo che vuoi.

La libertà è saper di aver differenti possibilità sei cosciente di averne?

Corsi Linux PoliMI

manifesto corsi linux

manifesto corsi linux

Ciao saluto tutti dopo un lungo… lunghissimo periodo d’assenza. Mi scuso con le persone che hanno commentato gli altri articoli e alle quali non ho risposto.

Tornando all’oggetto del post, vi dico che con l’associazione studentesca di cui faccio parte, il POuL, abbiamo attivato presso il Politecnico di Milano l’erogazione di corsi linux gratuiti.

Questi corsi mi hanno visto partecipe nella prima lezione durante la quale ho tenuto un paio di talk rispettivamente su OpenOffice.org e su The Gimp. Qui trovate le slide che ho realizzato per Gimp e qui quelle per OpenOffice.org. In particolare i corsi si basano su una distribuzione chiamata Polinux che noi del POuL abbiamo realizzato appositamente per gli studenti del Politecnico proprio per avvicinare anche chi non è informatico al modo linux. Questa distribuzione è basata su Ubuntu (per via della ben nota facilità d’utilizzo) e prevede l’aggiunta di una serie di software utili per chi affronta la vita universitaria al Politecnico; quindi software prettamente di tipo tecnico-scientifico. In più abbiamo realizzato altri software che fungono da wizard per la configurazione del wifi del Politecnico che come noto crea non pochi problemi (anche su windows ;)).

Termino invitandovi tutti, anche se non site del Politecnico di Milano, a prendere parte alle prossime lezioni che si terranno i prossimo giovedì alle 16:30 in sede Lonardo.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.